Verso un Hub turistico a Chiusi per il noleggio di auto elettriche. Se ne è parlato  a Città della Pieve dove è stato presentato il progetto “Way to Zero – Percorso ad impatto 0”. D’accodo i sindaci di Chianciano Andrea Marchetti e di Cetona Roberto Cottini

La mobilità elettrica sta assumendo un ruolo sempre più importante nell’ambito della mobilità urbana delle grandi e piccole città. E se nelle grandi città con la mobilità elettrica si vuole diminuire l’inquinamento e cambiare le abitudini, nelle piccole città, oltre a questi obiettivi, si vogliono implementare i servizi, oltre che per i cittadini residenti, anche per i visitatori e turisti. Le Amministrazioni comunali di Chianciano Terme e quella di Cetona, sensibili alle tematiche della mobilità elettrica, hanno preso parte ad un incontro che si è svolto  a Città della Pieve, dove è stato presentato il progetto “Way to Zero – Percorso ad impatto 0” che ha l’intento di dare risalto ai territori toscani e umbri al fine di dare loro l’impronta di ‘territori della mobilità elettrica’. L’intento è quello di creare un HUB a Chiusi (in provincia di Siena) cogliendo l’opportunità dell’alta velocità, un fulcro che unisce anche solo per brevi momenti arrivi e partenze da e per ogni dove. Un punto fondamentale di snodo a cui poter collegare un servizio di Car Sharing di vetture elettriche che possono muoversi liberamente nel territorio.Tra i Sindaci invitati all’incontro per la presentazione del progetto finalizzato alla creazione di un HUB a Chiusi – come detto – anche il Sindaco di Chianciano Terme, Andrea Marchetti, che in merito ne sottolinea l’importanza per l’intera area. “La rilevanza del tema dell’accessibilità nell’ambito della competitività delle destinazioni turistiche appare ormai consolidata. Il rapporto fra dotazione infrastrutturale, sistema dell’accessibilità e turismo è un rapporto di tipo integrato in cui le varie dimensioni concorrono contemporaneamente a delineare la qualità e l’attrattività del sistema. Il grado di accessibilità, definito dal livello di dotazione infrastrutturale e dai servizi che vi insistono, influenza la capacità dei sistemi territoriali di attrarre flussi turistici. Da qui la necessità di progettare e realizzare un HUB turistico per il noleggio di auto elettriche in prossimità della stazione ferroviaria di Chiusi che consenta ai turisti di raggiungere le varie località comprese nel comprensorio turistico “tra Toscana e Umbria” a basso costo e ad impatto ambientale zero”. Anche il Sindaco di Cetona Roberto Cottini, presente all’incontro, ha evidenziato come i borghi con vocazione turistica debbano promuovere la sostenibilità della circolazione, con infrastrutture capaci di sviluppare un modello sempre più capillare ed efficiente di mobilità alternativa. “I borghi possono diventare poli di innovazione, attraendo investimenti confacenti all’integrità ed all’equilibrio del territorio, puntando alla conciliazione del binomio vita/lavoro. Insieme al cablaggio del territorio, le infrastrutture che generano le condizioni per lo sviluppo della mobilità alternativa e sostenibile, attivano meccanismi virtuosi di crescita sostenibile, della quale i borghi possono recitare la parte di attori principali”.