Al via il Trofeo CONI 2022 Toscana nella Valdichiana Senese

Piccoli campioni crescono. Da domani giovedì 29 settembre a domenica 2 ottobre, organizzata dal Comitato regionale CONI della Toscana in partnership con la Regione Toscana e l’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese, si svolgerà la fase finale della settima edizione del TROFEO CONI, la più grande manifestazione sportiva in Italia per giovani dai 10 ai 14 anni. Vi partecipano complessivamente 3.867 atleti (260 della Toscana) in rappresentanza di tutte le regioni e delle delegazioni delle comunità italiane di Canada e Svizzera, che si cimenteranno in 41 discipline di 35 Federazioni sportive nazionali e 6 discipline sportive associate. Previste anche un migliaio di persone al seguito fra tecnici, accompagnatori e familiari.Atleti e accompagnatori soggiorneranno nelle strutture alberghiere di Chianciano Terme e nel Villaggio Norcenni Girasole Village di Figline Valdarno mentre le gare si disputeranno negli impianti dei Comuni della Valdichiana Senese – Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga e Torrita di Siena – e nei Comuni limitrofi di Abbadia San Salvatore, Siena, Sovicille, sconfinando poi ad Arezzo, Laterina (Arezzo), Massarosa (Lucca) e, in Umbria, sul Lago Trasimeno. Lo Stadio Comunale “Mario Maccari” di Chianciano Terme ospiterà la Cerimonia di apertura, in programma il 29 settembre alle ore 17.30 alla presenza del presidente del CONI Giovanni Malagò, del segretario generale Carlo Mornati, del presidente del CONI Toscana Simone Cardullo, di numerosi presidenti federali e di Comitati regionali, e dei rappresentanti delle Istituzioni locali. La cerimonia di chiusura, invece, andrà in scena sabato 1 ottobre alle ore 18 nel Parco Acqua Santa di Chianciano Terme. La finale nazionale del Trofeo CONI segna la fine di un percorso iniziato dai ragazzi con le proprie associazioni e società sportive nelle proprie province e regioni e, al tempo stesso, rappresenta un’occasione di crescita nel nome dello sport. La formula scelta, inoltre, privilegia la composizione di squadre miste sia negli sport individuali (ogni squadra è composta da massimo di 4 atleti per ogni Federazione nazionale e Disciplina sportiva associata) che negli sport di squadra veri e propri, promuovendo un confronto in campo tra i sessi nel rispetto reciproco e dando rilievo alle differenze. È proprio il format, voluto fortemente dal CONI e ben accolto da tutti gli organismi sportivi, il principale elemento caratteristico di questa manifestazione multidisciplinare, antesignano della parità di genere a cui il CIO punta a livello olimpico.