Arezzo : nuovo ecografo al San Donato ; strumento di eccellenza al servizio delle donne e delle future mamme.Donato dal Calcit e collocato in una nuova sala ecografica

“E’ un ecografo di altissima fascia, che non troviamo in Toscana ma solo negli ospedali italiani più avanzati. Adatto all’ambiente ginecologico per la sua alta definizione nella diagnosi di malattie neoplastiche. Adatto in ambiente ostetrico: consente una visualizzazione del feto per studi dettagliati sulla sua situazione”. Ciro Sommella, Direttore della Ginecologia e ostetricia del San Donato, ha presentato stamani il nuovo ecografo donato dal Calcit  e  collocato in una sala dedicata e abbellita anche da tre quadri realizzati dagli studenti del Liceo Artistico. Il Calcit si è fatto carico di un investimento di quasi 100mila euro: “un altro elemento di qualificazione del San Donato – ha detto il Presidente Giancarlo Sassoli-. Noi collaboriamo con le istituzioni dal 1978, nella convinzione che nel nostro ospedale ci sia il cuore di Arezzo”. Una valutazione condivisa dalla vice Sindaca Lucia Tanti: “il Calcit continua ad essere una grande opportunità per questa città. E’ il simbolo dell’alleanza tra pubblico e privato e con questa nuova donazione mette un macchinario importante a disposizione di grandi professionalità”.
Infatti – come ha ricordato Barbara Innocenti, Direttrice delle rete ospedaliera aretina – “il nostro punto nascita è un riferimento per la famiglie, in grado di prendersi cura di gravidanze complicate e a rischio. La donazione del Calcit non solo  conferma l’ottima qualità dei rapporti tra l’associazione e l’Asl ma mette a disposizione di ginecologia e ostetricia una strumentazione di eccellenza che qualificherà ulteriormente la professionalità degli operatori”.