Poppi: torna la grande arte con la personale di Irene Meniconi alla SanLorenzo Arte

Dal 18 luglio al 29 agosto la Galleria SanLorenzo Arte  a Poppi  ospita “Eden”, mostra personale di Irene Meniconi a cura di Silvia Rossi“Ero costantemente alla ricerca di qualcosa di misterioso, mi immergevo nella natura, quasi mi confondevo nella sua stessa essenza, fuori dal mondo degli uomini”.In queste parole Irene Meniconi racchiude tutta la sua poetica.  Maestosi, imponenti, colorati, forti. I soggetti raffigurati dall’artista toscana sono gli animali che tanto ama, ma il suo lavoro non si limita alla loro esaltazione, perché lo sguardo profondo e vigile di cavalli, pavoni e fenicotteri è quello con cui “essici invitano a cercare dentro noi stessi per intraprendere il percorso interiore di cui abbiamo bisogno”. L’ arte, per Irene Meniconi, è un potente mezzo di cura, accudimento e rielaborazione. L’artista è infatti una “survivor” che ha subito abusi sessuali e psicologici, dai 15 ai 21 anni, da parte di una persona di fiducia. “In ognuna delle mie opere è rappresentata una parte del percorso che ho dovuto affrontare per sopravvivere. Gli aspetti sono tanti e alcuni probabilmente inconsci: la presa di coscienza, prima di tutto, di quello che mi è successo, la paura, la rabbia, la frustrazione, l’angoscia, il panico, la sensazione di essere perennemente in pericolo, la consapevolezza, la libertà, il lasciare andare. Questi e tanti altri elementi di un itinerario intrapreso, avvalendomi anche dell’aiuto di una psicoterapeuta, sono raccontati da molti dei miei lavori”.  Tra i colpi di pennello e le righe dei pennini che Irene Meniconi usa per gli inconfondibili dettagli, compaiono come cicatrici interiori alcuni frammenti di diari personali. La mostra di Poppi diventa così il racconto di un percorso intimo per raggiungere la consapevolezza degli eventi accaduti, la narrazione di una battaglia per ripartire. Le opere non sono però da leggersi in una chiave di anacronistico dolore da rielaborare. I lavori vogliono essere un inno alla rinascita, alla forza, alla diversità, alla giustizia e alla bellezza. Quella di raccontarsi attraverso gli animali è una scelta naturale per l’autrice, che da sempre ha un legame profondo e intenso con loro. Sono tele che celebrano la vita e la proteggono, che sensibilizzano a riflettere sul nostro atteggiamento nei confronti della natura.  Gli animali di Irene Meniconi ci invitano al rispetto.Sono il racconto di un Eden perduto ma soprattutto ritrovato. Il giardino delle meraviglie, che costruiamo con le nostre azioni, con le scelte consapevoli, con l’equilibrio. Il raggiungimento di uno “stato di grazia” terreno che non è dovuto o automatico, ma che richiede un preciso impegno. Una personale, quella dell’artista toscana, che suggerisce la strada da percorrere tutti insieme, per aprire finalmente gli occhi e crescere come individui e società.