Siena: Banca Mps; conclusa l’asta dei diritti di opzione non esercitati durante il periodo di offerta

Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (“BMPS”) informa che  oggi si è conclusa l’offerta su Euronext Milan, tenutasi in data 1 e 2 novembre 2022 (l’“Asta dell’Inoptato”) dei diritti di opzione non esercitati nel corso del periodo di offerta in opzione (i “Diritti Inoptati”), in conformità all’art. 2441, comma 3 del Codice Civile. In tale contesto sono stati venduti n. 449.097 Diritti Inoptati che danno diritto alla sottoscrizione di complessive n. 55.987.426 azioni ordinarie BMPS di nuova emissione (le “Nuove Azioni”), per un ammontare di Euro 111.974.852,00, nell’ambito dell’Aumento di Capitale deliberato dall’Assemblea Straordinaria di BMPS tenutasi 15 settembre 2022. I Diritti Inoptati potranno essere esercitati per la sottoscrizione delle Nuove Azioni, al prezzo di Euro 2 per Nuova Azione, sulla base di un rapporto di 374 (trecentosettantaquattro) Nuove Azioni ogni 3 (tre) Diritti Inoptati posseduti. L’esercizio dei Diritti Inoptati acquistati nell’ambito dell’Asta dell’Inoptato e, conseguentemente, la sottoscrizione delle Nuove Azioni dovranno essere effettuati tramite gli intermediari autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A., a pena di decadenza, entro e non oltre le ore 14:00 del 3 novembre 2022. Tenuto conto dei risultati al termine del periodo di offerta in opzione comunicati il 31 ottobre u.s., le azioni sottostanti i Diritti Inoptati eventualmente rimasti non esercitati al termine dell’Asta dell’Inoptato saranno allocate:  agli investitori che hanno assunto impegni diretti nei confronti di BMPS (per un ammontare residuo pari a Euro 25 milioni);  agli investitori terzi che hanno assunto impegni di sub-underwriting nei confronti delle banche del consorzio di garanzia (pari a complessivi Euro 475 milioni) e per l’ammontare residuale alle banche del consorzio di garanzia e ad Algebris. L’ammontare residuo in capo alle banche del consorzio di garanzia e ad Algebris sarà comunicato il 3 novembre 2022 sulla base dei Diritti Inoptati effettivamente esercitati, mentre è già certa l’integrale allocazione degli impegni diretti e di sub-underwriting.