Toscana: emergenza energia; Confagricoltura ,”Non reggiamo altri aumenti, rischio sospensione attività”

Nei primi tre mesi di quest’anno i costi di produzione dell’agricoltura in Toscana sono aumentati del 18% sullo stesso periodo del 2021. La situazione è destinata a peggiorare: siamo arrivati oltre il limite, se non arriva qualche supporto molti di noi rischiano di dover sospendere l’attività. E questo ha impatti anche sulle famiglie”. A dirlo è il presidente di Confagricoltura Toscana Marco Neri parlando del caro energia.“Diversi paesi europei, come la Germania, stanno cercando di trovare soluzioni come il tetto sul prezzo del gas a livello nazionale e sussidi a sostegno di famiglie e aziende – aggiunge Neri -. In Italia siamo fermi e non va bene. Questi problemi vanno risolti oggi, non si può attendere oltre, è un appello che faccio anche al nuovo governo: si prenda subito in mano la situazione. E, in generale, l’Europa sia unita nel cercare alternative”.A livello di occupazione, conclude Neri, “appoggiamo la proposta di Confagricoltura nazionale: tuteliamo chi lavora nel settore, come accaduto durante la pandemia. Nonostante l’intensità della crisi in atto, l’Unione europea ha mantenuto invariati gli stanziamenti all’agricoltura. Non solo: dal prossimo anno subiranno una progressiva riduzione del 15%”.