Elezioni suppletive per la Camera : Enrico Letta ( Pd) a Siena, a Pienza, a Trequanda e a Torrita di Siena , “ se politica lavora insieme  Mps resta a Siena”

“Se la politica rema tutta nella stessa direzione Mps puo’ restare ancorata al suo territorio e alla Toscana, puo’ lavorare bene con le Pmi e Siena puo’ rimanere centrale”. Cosi’ Enrico Letta, candidato del centrosinistra alle elezioni suppletive nel collegio di Siena – Arezzo e segretario del Pd, ad un incontro a  Siena, dove ha insistito perché  “ il distretto europeo delle Scienze e della Vita vada fatto  a Siena; sto pensando ad un ‘modello Genova’: creare in questo territorio quello che e’ oggi l’Istituto italiano di tecnologia per il capoluogo ligure. Se venissi eletto  chiedero’ al Governo che, dentro al Pnrr, si faccia un’operazione stile Genova, per mettere un’istituzione che rafforzi qui il settore delle Scienze della vita”. Nel pomeriggio  Letta è stato anche a Pienza , a Trequanda per un incontro  al Circolo Arci con Andrea Francini candidato a sindaco del centrosinistra   e in serata a cena presso il Parco Nilde Iotti a Torrita di Siena. A Pienza, nella frazione di Monticchiello , ha spiegato di aver  incontrato i sindacati di Mps:” hanno ragione a chiedere che il Governo li ascolti e li riceva e che si apra un tavolo con rappresentanze sindacali e istituzionali. Dobbiamo lavorare per ottenere il risultato che tutti noi vogliamo: la salvaguardia dell’occupazione e del marchio, l’unita’ della struttura aziendale, il mantenimento a Siena della testa e la continuita’ dello Stato all’interno del Monte. Questo obiettivo possiamo raggiungerlo se tutti i partiti si muovono vero questa direzione.  Su Mps spero che tutti si muovano nella stessa direzione e sono convinto che cosi’ facendo si riuscira’ a raggiungere un risultato importante cioe’ la salvaguardia di una banca con la sua occupazione, territorialita’ e continuita’ operativa in grado di salvarla in prospettiva futura”.